GIBA E LA RIFORMA DEI CAMPIONATI: LIBERTÀ È PARTECIPAZIONE!

Categories: Il Blog di Mario Boni

Amici del basket,

scrivo questo pezzo del mio blog sotto forma di lettera aperta agli atleti associati GIBA, perché in un momento tanto delicato c’è bisogno del massimo di chiarezza e comunicazione.

Le voci si rincorrono e l’incertezza economica rende il tutto poco fluido. I giocatori hanno paura di non avere confermati alcuni capisaldi, conquistati da decine e decine di associati prima degli attuali protagonisti.

Ne abbiamo passate tante di rivoluzioni e io, che le ho vissute da protagonista, sono certo che riusciremo a superare anche questo momento di grande insicurezza, a patto di restare tutti uniti, riuscendo così a far sentire la nostra voce in modo forte e chiaro.

Siamo alle prese con una prima, grande rivoluzione: il passaggio tra i dilettanti del secondo campionato professionistico italiano, la Legadue. Vedo in giro paura, smarrimento. Molti si chiedono: cosa succederà? Che fine faranno i miei soldi? Quanti stranieri ci saranno?

Inizio col dire che una prima vittoria GIBA l’ha conquistata, ottenendo soltanto 2 visti, 3 Under 21 (di cui 1 evitabile a fronte di un pagamento di una “tassa” di 5.000 Euro) e 1 assimilato. Di fatto, ci sono quindi 8 posti per squadra, per 32 squadre. Fanno 256 posti di lavoro. Credo che non sia affatto male.

C’è poi l’attuale DNB, che dovrebbe tornare a 4 Gironi (contro gli attuali 3), ancora con i 3 Under. Sarà di certo dura, visto che la crisi economica ha ragioni e interessi internazionali e che il mondo del basket è uno dei tanti ad esserne colpito, ma il governo del basket italiano vuole tornare a 4 gironi e questo significa la creazione di altre 16 squadre e quindi di altri posti di lavoro in più rispetto a questa stagione.

Stiamo poi lavorando sui contratti.

Per i professionisti cambierà poco, mentre con i responsabili della Lega Nazionale Pallacanestro – e cioè la lega di tutto il basket maschile, salvo la Serie A – stiamo cercando un accorso che non sarà certamente facile, ma che io credo sia realizzabile.

Per quanto riguarda i parametri, una revisione è gia stata fatta, diminuendo quelli dell’attuale DNB da 7.450 a 6.000 Euro e quelli della DNC da 4.000 euro a 3.000 euro.

Relativamente ai parametri, molti giocatori ci hanno chiesto della loro trasferibilità e della possibilità di utilizzare gli stessi, nel caso fossero riconducibili a società fallite, per garantire quei giocatori a cui non è stato rispettato il contratto. Abbiamo, come GIBA, provato a far valere questa che ci sembra una idea sensata in sede federale, ottenendo – e lo dico a malincuore – un diniego da parte della FIP.

Questo ha portato a malumori in molti associati e io – non per piaggeria, ma per rispetto dei nostri lavoratori – penso che le loro incazzature siano giuste. La FIP dà l’impressione di non aver ancora recepito pienamente il mutato quadro economico di riferimento, nel quale tutti noi ci troviamo a vivere. E se non si comprende che la crisi è internazionale e profonda – perché magari dal proprio osservatorio la crisi non si sente in virtù di garanzie e tutele appannaggio di pochi – si corre il rischio di non valutare correttamente i problemi.

Fare come quella principessa francese, che consigliò al popolo di mangiare brioche visto che non c’era più il pane, porta alla rivoluzione. E ad una classe dirigente attenta e illuminata, la storia non può non insegnare nulla.

Noi di GIBA continueremo a lottare, partecipando a tutti i tavoli di trattativa laddove si scrivono le regole. Il nostro obiettivo è il solito, unico e semplice: rendere più sicura la vita professionale dei nostri atleti.

Per questo chiedo agli atleti di continuare ad interessarsi e partecipare. Il vento nuovo che da qualche mese spira in GIBA ha portato non solo a una nuova governance, ma anche a un modo di partecipare più consapevole dei giocatori, che hanno sì delegato delle persone, ma che giustamente seguono nel proprio interesse e con pieno diritto l’evolversi di questa delicata fase storica che sta vivendo la pallacanestro italiana.

Invito tutti gli atleti a continuare a seguire le nostre attività sul nostro sito, sulla pagina Facebook e sull’account Twitter e a non lesinarci consigli, osservazioni, critiche costruttive.

Io credo che GIBA si stia muovendo bene per quanto attiene ai propri compiti e alle proprie responsabilità. Abbiamo trovato disponibilità negli interlocutori, ma siamo consapevoli che non è facile trovare la “quadratura del cerchio” e cioè la convergenza di interessi che giocoforza spesso divergono.

Noi siamo sempre all’erta, perché ci sono dei punti da trattare che potrebbero portare a uno scontro.

Presto convocheremo una riunione, per illustrare quello che abbiamo già fatto e quello che andremo a fare.

Il Presidente Alessandro Marzoli e io siamo sempre a disposizione, sapete come contattarci.

Un abbraccio, ribadendo il mio invito a partecipare e a sentirsi parte di una grande famiglia come quella della GIBA, mediante i versi di una canzone di Giorgio Gaber: «La libertà non è star sopra un albero… libertà è partecipazione».

Mario Boni

Author: Giba

Lascia una risposta