PRESA DI POSIZIONE DELL’ASSOCIAZIONE GIOCATORI DOPO LE DICHIARAZIONI DEL DS ALESSANDRO FROSINI

Categories: Comunicati

In relazione alle dichiarazioni rilasciate dal direttore sportivo della società Pallacanestro Reggiana, Alessandro Frosini, secondo il quale: “Gli atleti italiani hanno pensato solo alle statistiche personali”, desideriamo evidenziare quanto segue.

Come Associazione Giocatori abbiamo sempre sostenuto e lodato il “progetto Reggio Emilia”, vantandolo come un virtuoso esempio di serietà e programmazione.

Siamo rimasti, pertanto, sconcertati dal fatto che un dirigente nazionale, peraltro ex atleta della Nazionale italiana, abbia espresso un giudizio sulla asserita condotta di atleti nostri associati, individuandoli genericamente come “gruppo di italiani”.

Riteniamo inaccettabile una dichiarazione di questo tenore, in cui si lanciano accuse specifiche generalizzando sui destinatari. Frosini faccia i nomi di quei ragazzi a cui si riferiva, in modo che gli stessi possano tutelarsi nelle sedi più adeguate.

Abbiamo chiesto l’intervento della Procura della Federazione Pallacanestro, per valutare la lesività delle sue parole nei confronti di altri tesserati e siamo disponibili fin da subito con i nostri legali per verificare, qualora gli atleti lo volessero, la possibilità di ricorrere in tutte le sedi a tutela dei propri interessi, comprese eventuali richieste di risarcimento danni.

Siamo profondamente convinti che “i giocatori italiani di Reggio Emilia” nessuno escluso, abbiano dato sempre il massimo senza pensare alle statistiche, ma lavorando con la professionalità che li contraddistingue.

Le ragioni di un mancato raggiungimento di risultati sportivi non possono essere scaricate in modo cosi inappropriato su un gruppo di persone, ledendone profondamente l’immagine e la credibilità professionale.

2013_01_12 - GIBA - Logo

GIBA – Giocatori Italiani Basket Associati

Author: Giba

One Response to "PRESA DI POSIZIONE DELL’ASSOCIAZIONE GIOCATORI DOPO LE DICHIARAZIONI DEL DS ALESSANDRO FROSINI"

  1. Renato Posted on 24 maggio 2017 at 22:16

    Buonasera, solo in serata ho letto la Vostra presa di posizione in merito alle dichiarazioni del DS Frosini sui propri giocatori italiani che giocano a Reggio Emilia. Mi presento, sono un tifoso ARSÂN che segue la squadra da molti anni e chiaramente amareggiato da come si è concluso il campionato Reggiano. Premetto che il sign. Frosini non mi è mai stato molto simpatico, non mi ha fatto niente, ma è una cosa di pelle.
    Secondo me avete esagerato con il Vostro comunicato, nel senso che il DS ha solo detto che si aspettava il salto di qualità, che non è arrivato, e che pensavano solo alle statistiche personali, stop! Voi da una dichiarazione così cosa fate? La cosa più classica del “Made in Italy”, chiediamo L’ intervento della Procura, e qualora gli atleti lo volessero…ricorreremo in tutte le sedi per tutelare i propri interessi, comprese eventuali richieste di risarcimento!!!!
    Azz!!! Ma se diceva che alcuni passavano le notti in locali mondani accerchiati da belle donne, che facevate??
    Lo avreste fatto arrestare dai corpi speciali?? Ma vi rendete conto che in Italia ci sono più di 2 milioni di cause civili in attesa di giudizio? Ma non avevate nient’ altro da fare? Ma se diceva la stessa cosa per gli stranieri, pensate che la Giba Usa mandasse i Marines per arrestarlo? Forse per quello che pagano i giocatori per essere affiliati a voi, ogni tanto dovete far vedere che li tutelate…io spero veramente che nessun giocatore Italiano di Reggio chieda un risarcimento per una dichiarazione così frivola, sarebbe il colmo, sarebbe la fine di uno sport stupendo ormai in mano ad una federazione di incompetenti che sta rovinando il basket portandolo ai livelli del calcio. Buona serata a tutti e amate questo sport invece di affondarlo!
    Un Arsan innamorato del basket.

Lascia una risposta