VALORIZZAZIONE DEI GIOCATORI ITALIANI: LA MIGLIORE È BRESCIA.

Categories: News

Brescia è la società di Serie A ad aver vinto la classifica della valorizzazione dei giocatori italiani, per la stagione sportiva 2018/2019.

I numeri definitivi, che si chiudono a 3 giornate dal termine della stagione regolare del massimo campionato, hanno visto Brescia vincere con 2.766 minuti, pari al 50,75% del totale.
Al secondo posto Trento, con 1.650 minuti, pari al 30,14% del totale.
Al terzo posto Cremona, con 1.192 minuti, pari al 21,67% del totale.

Le stesse tre società si sono aggiudicate i premi relativi all’utilizzo dei giocatori Under 25 italiani o di formazione, con questa classifica.
Trento, con 713 minuti, pari al 13.02% del totale.
Brescia, con 396 minuti, pari al 7,27% del totale.
Cremona, con 9 minuti, pari allo 0,16% del totale.

In merito al primo posto di Brescia, questa la dichiarazione del general manager della squadra, Sandro Santoro: «Conquistare il primo posto nella classifica relativa all’utilizzo dei giocatori italiani era uno dei nostri obiettivi. Siamo molto orgogliosi del risultato raggiunto. Questo traguardo conferma la nostra tendenza nel valorizzare i giocatori italiani: è con orgoglio che schieriamo nel nostro roster giocatori che sono determinanti ai fini del risultato sportivo, oltre che di interesse per la nostra Nazionale. Ritengo che questo sia un obiettivo societario importante per noi e, credo, per tutta la pallacanestro italiana».

La GIBA, nel fare i complimenti a Brescia, Trento e Cremona, osserva con il suo vice presidente, Mario Boni: «Siamo contenti, come Associazione Giocatori, di constatare che quando un giocatore ha minuti e fiducia diventa un elemento determinante della squadra. Parlando di Brescia, vorrei spendere un pensiero per Awudu Abass, che sta giocando una stagione da oltre 31 minuti di impiego medio, nei quali segna oltre 13 punti e cattura quasi 5 rimbalzi».

Abass
Awudu Abass, del Brescia.
[Basketinside.com / Riccardo Cherubini]

GIBA – Giocatori Italiani Basket Associati

Author: Giba

Lascia una risposta